estetispas_874_Anatomia_del_corpo50 (2)

Anatomia del corpo - Approfondimento

ANATOMIA DEL CORPO

Un buon massaggio, si sa, è frutto di tanti piccoli particolari: dalla preparazione della stanza trattamento alle tisane dell’angolo relax, dalle musiche di sottofondo alle candele e così via. Non si dovrebbe però sottovalutare l’aspetto, forse, più importante, per fare un buon massaggio. Infatti, non è sufficiente possedere soltanto qualche conoscenza di base sul funzionamento del corpo umano, ma è, al contrario, indispensabile avere una forte preparazione in merito da unire ad un atteggiamento mentale positivo. Quando un terapista riesce ad unire entrambe le cose, voi lo saprete meglio di me, il cliente lo percepisce e può, in questo modo, iniziare uno scambio di energie tra i due e il trattamento risulterà più gradevole.

Durante il massaggio è necessario avere un’immagine mentale delle strutture che si nascondono sotto la pelle per poter, innanzi tutto, capire la natura del dolore, stabilire possibili collegamenti tra alcuni disturbi e il sistema muscolare, identificare le tensioni ed individuarne l’origine. Per chiarirvi un po’ le idee, per farvi ripassare nozioni di anatomia che avete imparato durante i vostri corsi da estetista,…su questo numero abbiamo deciso di parlarvene. Di seguito troverete alcuni punti da conoscere e da non sottovalutare durante i vostri trattamenti:

-          Lo scheletro. In un individuo adulto sono presenti circa 200 ossa, quasi il 20% del peso corporeo, che hanno la funzione di sostenere e dare forma al corpo, proteggere alcuni organi e rendere possibili i movimenti, fare da riserva di Sali minerali per l’intero organismo. Inoltre, nel midollo osseo si trova il tessuto ematopoietico che ha il compito di rinnovare globuli rossi, globuli bianchi e piastrine del sangue. Ogni osso si compone di due parti, una dura esterna ed una porosa interna (midollo osseo) e si unisce con gli altri attraverso le articolazioni che possono avere struttura e funzioni variabili: alcune articolazioni, ad esempio, possono essere mobili come quelle delle estremità o meno mobili come quelle del cranio. Il massaggio riveste un ruolo molto importante nella produzione di liquido sinoviale che, avvolto nella membrana sinoviale, ha il compito di formare un “cuscinetto” permettendo alle cartilagini (parti che ricoprono le ossa) di ruotare senza produrre attrito;

-          I muscoli. Permettono il movimento, danno forma al nostro corpo e possono essere suddivisi in due categorie: muscoli scheletrici, che si muovono volontariamente e muscoli involontari, che si muovono in modo automatico. Ogni muscolo è unito ad un osso alle sue estremità attraverso i tendini, può essere attraversato da vasi sanguigni e da nervi, lavora sempre in coppia (uno fa muovere l’articolazione in un senso e l’altro nel senso contrario). Durante il massaggio potreste incontrare casi di spasmi muscolari, causati da sforzi, stress, ecc.. e riconoscibili come una massa di tessuto duro e consistente sotto le vostre mani, dopo averlo scoperto sarà vostro compito cercare di individuarne i muscoli interessati per massaggiarli nella loro estensione;

-          Il sistema circolatorio. Trasporta il sangue in tutto il corpo, porta ossigeno e nutrizione alle cellule, elimina i prodotti di scarto e distrugge i batteri; tali compiti possono essere facilitati dal massaggio che favorisce la circolazione venosa, contribuisce all’eliminazione dei residui, abbassa la tensione sanguigna ed aumenta la quantità di ossigeno nei tessuti;

-          Il sistema linfatico. Aiuta a conservare il corretto equilibrio dei liquidi nei tessuti e nel sangue, protegge il corpo dalle malattie, conserva le proteine ed elimina i batteri ed altri residui cellulari. È composto da piccoli vasi linfatici percorsi dalla linfa, in continuo movimento a causa dell’azione di compressione dei muscoli. Il massaggio stimola la corrente linfatica e contribuisce ad eliminare l’acido lattico e altri residui generati dall’esercizio fisico troppo intenso;

-          Il sistema nervoso. Riceve gli stimoli dall’esterno, li trasforma in impulsi nervosi e li trasmette al cervello, da qui parte poi un processo di decodifica ed integrazione. Il sistema nervoso centrale comprende il cervello e il midollo spinale, collegati alle altre parti del corpo attraverso il sistema nervoso periferico, anche questo costituito da una parte volontaria e una involontaria. In comunicazione con tutto l’organismo, se rilassato e con i nervi tonificati attraverso il massaggio, migliora lo stato di benessere generale;

-          La pelle. Composta da uno strato esterno di cellule in costante rinnovamento, come già ben saprete è l’organo più esteso del nostro corpo, ci riveste e ci protegge dall’ambiente esterno. Sotto la pelle si trovano un grandissimo numero di ghiandole e terminazioni nervose sensibili al tatto, al calore, al dolore, ecc…Un aspetto molto importante della pelle è che è l’organo del tatto…che vi guida durante un massaggio o ogni altro tipo di trattamento. 

Ogni elemento di anatomia, quindi, si rivela di assoluta importanza per il vostro lavoro poiché vi permette di familiarizzare con il corpo che avete di fronte. Per offrire al vostro ospite sempre il massimo, per dimostrare la vostra preparazione e professionalità in ogni attimo della loro permanenza nel vostro centro.