1028-gestione-istituto-200x200

Gestione istituto - Estetista ma anche Manager

Oggi la competizione nel vostro settore è tanta, la crisi si fa sentire, e voi, come potete difendervi?
Forse pensare all’estetica come un bene di largo consumo non è corretto, del resto conoscete bene le vostre clienti e sapete perfettamente di avere a che fare con persone che, sì sentono la crisi, ma che non rinunciano ai vostri servizi, purché di qualità.
Forse da un’analisi più profonda del vostro Istituto, del vostro lavoro e del territorio, potreste anche scoprire di aver perso clienti perché hanno trovato altrove qualche nuova attrattiva, un ambiente particolare, un personale più accogliente, un estetista più preparata di voi, un trattamento migliore e di conseguenza risultati migliori.
Puntare sulla qualità risulta essere una carta vincente. La cliente, a maggior ragione oggigiorno che c’è molta più informazione sul vostro settore, desidera l’eccellenza.

È vero che la qualità ha un costo, ma è altrettanto vero, che i ritorni sono di molto superiori agli investimenti. Una cliente disposta a spendere per un pacchetto di trattamenti intorno o oltre i 1000,00 euro pretende un ambiente allo stesso livello, una preparazione e un servizio d’eccellenza, un personale professionale e ben preparato sotto tutti i punti di vista. Dategli tutto questo e il prezzo del trattamento non sarà più un problema.

Un menù di trattamenti, e il listino corrispondente, devono tenere conto durante la stesura, di tutti i costi necessari alla realizzazione di un servizio d’eccellenza, efficiente ed efficace (spese fisse, consumi, mano d’opera, cosmetici e materiale di consumo vario ecc) ovviamente a questi costi dovete aggiungere un adeguato guadagno d’impresa.

Alla domanda : “ Quanto hai guadagnato oggi?” la risposta, nella maggior parte dei casi è sempre stata : “Oggi ho incasso tot!” magari detto anche con entusiasmo se l’incasso della giornata è stato alto. La realtà è che tra l’incasso e il guadagno, c’è da tener conto di un piccolo particolare…i Costi.
Per raggiungere l’eccellenza, dovete anche saper coinvolgere il vostro cliente nel SUO obiettivo estetico, il che si traduce nel renderla partecipe e farle apprezzare l’importanza del risultato che siete in grado di garantirle, sempre che segua esattamente il vostro metodo, i protocolli di trattamento in cabina, e il mantenimento a casa.


Altro particolare importante per una buona gestione, è lo staff di lavoro e la sua formazione, che deve essere vista come un aggiornamento costante, devono imparare a mantenere un contatto costante con la cliente che le viene affidata, deve imparare a promuovere i colleghi che hanno mansioni diverse dalle proprie (es: se nel vostro istituto offrite anche metodiche che sono proprie di professionalità diverse da quelle dell’estetista, bene, queste figure devono essere viste come un complemento al proprio lavoro e non come rivali. Questo lo dovete fare voi, creando squadra.), deve imparare che il suo lavoro non finisce al termine del trattamento in cabina, ma che da qui inizia la professionalità, con la proposta di vendita del prodotto per il mantenimento a casa.

Per essere dei bravi Manager non vi dovete dimenticare del costo del vostro impegno all’interno del vostro Istituto (spesso si tende a non considerare le proprie ore lavorative, ad esempio). Soprattutto non dovete dimenticare MAI, che le ore produttive sono limitate, e che vanno sfruttate al meglio...



Paola Angeletti

(Estratto da: Il Mnauale per la Gestione dell'Isituto Estetico e della SPA - autore M.Paola Angeletti)