1030-massaggio-fronte-200x200

Massaggio Ayurvedico della fronte

Prima di iniziare il massaggio assicuratevi che il vostro cliente non porti le lenti a contatto.

Il massaggio della fronte
calma l’organismo e genera una buona sensazione alla testa.
Il massaggio delle tempie
migliora la vista e la capacità di concentrazione, inoltre crea uno stato di equilibrio.
Il massaggio delle sopracciglia
rilassa tutto il corpo ed è benefico soprattutto per gli occhi.
 
1) Prendete posto dietro la persona e fatele appoggiare la testa contro il vostro addome.
Ungete le dita con l’olio.
Il massaggio della fronte inizia nel punto di mezzo dove è localizzato lo sthapni marma questo punto è in allineamento perfetto con il terzo occhio o sesto chakra.
Con i pollici sulla linea dei capelli, mettete le dita di entrambe le mani sullo sthapni marma. 
Poi massaggiate i due sringataka marma superiori (sul palato molle).
Muovete le mani lentamente verso l’esterno in direzione delle tempie e fate una leggera pressione agli shankn marma (tempie), ripetete questo movimento alcune volte, terminando il massaggio della fronte sullo shankn marma.
 
2) Ritornate al centro della fronte, mettete i pollici sul bordo superiore delle sopracciglia e le dita sotto le sopracciglia, premete a lungo il bordo superiore dell’orbita muovendo le mani verso le tempie.
Gli avarta marma sono localizzati nei pressi della fine delle sopracciglia. Quando arrivate a toccarli, premete delicatamente con i pollici.
A questo punto muovete le dita verso la parte posteriore della testa. Appena sopra le orecchie si possono trovare gli utkshepa marma, massaggiateli delicatamente.
Dopo aver riportato le dita la centro della fronte, premete delicatamente sui bulbi oculari con i pollici muovendo verso le tempie.
A questo punto localizzate l’apanga marma sul bordo dell’occhio vicino all’orbita e premete delicatamente.

3) Il massaggio delle guance viene fatto senza olio. Sollevate delicatamente le guance con i pollici e le dita.
Premete sui due sringataka marma inferiori sopra le labbra e sotto il mento.

Dopo aver trattato questi punti, per sciogliere la tensione, premete sul mento con piccoli movimenti circolari.

4) Per il massaggio delle labbra, lasciate che sia la persona stessa a mettere sulle proprie labbra un po’ d’olio di mandorle o di malai (la leggera pellicola che si forma sul latte bollito). Ricordate che l’operatore non deve massaggiare le labbra.

5) Massaggiate delicatamente i lobi delle orecchie e l’orecchio esterno per alcuni minuti. Poi, dopo aver inclinato da un lato la testa del cliente, tirate leggermente il lobo e mettete nell’orecchio una goccia di olio di mandorla, sesamo o senape puri (ricordate che l’olio deve essere spremuto a freddo e non raffinato. Nel caso di male alle orecchie, usate olio caldo oppure un olio prescritto dal medico).
Mentre muovete da una parte e dall’altra il lobo dell’orecchio per fare allargare l’apertura, chiedete alla persona di aprire e chiudere la bocca alcune volte in modo che l’olio penetri all’interno. Mettete un batuffolo di cotone nell’orecchio e ripetete l’operazione con l’altro orecchio. Questo tipo di trattamento serve a lubrificare l’orecchio e a far espellere il cerume in eccesso.

6) Per trattare gli occhi utilizzate solo acqua di rose (accertatevi che sia naturale al 100% distillata da petali di rose, non utilizzate prodotti di sintesi, l’acqua di rose non deve contenere alcool, olio o profumi artificiali) prendete un contagocce e versate una goccia di acqua di rose negli occhi.
Questo trattamento non solo rinfresca e purifica, ma il profumo calma il corpo rafforza i nervi e i tessuti dell’occhio.

7) Il movimento finale per questo trattamento (ma anche per il massaggio di tutto il corpo) consiste nel massaggiare delicatamente la testa e tirare il ciuffo di capelli che copre la fontanella.
Battete le mani per segnalare la fine del massaggio. Coprite il corpo del vostro cliente con un grande asciugamano o un lenzuolo (nella stagione fredda preoccupatevi di preriscaldarli) poi chiedete al vostro cliente di respirare profondamente e di rilassarsi.