Art_91_Peeling_Via_lo_stress

Trattamenti bellezza viso: peeling

Lo specialista spiega le tecniche del peeling

 

Dove l’estetica non basta più e i vostri trattamenti non danno i risultati sperati, bisogna suggerire l’intervento dello specialista con trattamenti più idonei. Quello che potete fare è dimostrare alle vostre clienti, una volta di più la vostra preparazione professionale, con informazioni specifiche su trattamenti medicali come il Peeling ChimicoPer dare a voi le giuste informazioni,abbiamo chiesto ad uno specialista di spiegarci in cosa consiste questa tecnica. 
Dottor Antonaccio, ci spiega in cosa consiste il Peeling Chimico?  
Da parecchi anni, ormai, in Italia, si sente parlare di Peeling chimicouna tecnica di dermatologia plastica che negli USA è già affermata da diversi anni. 

Nell’effettuare il Peeling chimico, il dermatologo applica, sulla pelle del viso, una o più sostanze chimiche che determinano una distruzione controllata degli strati cutanei. 
Si ha di conseguenza un’intensa accelerazione del rinnovamento cellulare della cute con stimolazione del derma e produzione di nuovo collagene. 
Ciò porta a un visibile miglioramento dell’aspetto del viso che appare decisamente più luminoso e di colorito più uniforme mentre la pelle risulta sensibilmente più liscia e vellutata al tatto: 
è come rimuovere con un colpo solo i segni dello stress ottenendo un viso più fresco e riposato. 

Attualmente il Peeling è uno dei trattamenti ambulatoriali più richiesti; infatti risulta utile anche quando non si hanno particolari problemi cutanei, proprio per dare un effetto di “refreshening” del viso. 

Il Peeling molto superficiale è indicato per ottenere l’eliminazione della pelle opaca e asfittica e per attenuare le macchie pigmentarie superficiali. 
Spesso è necessario eseguire più sedute per avere un risultato più evidente. 
La desquamazione è poco visibile. 

I limiti sono dati dalla sua azione blanda, molto superficiale, che lo rende scarsamente efficace per inestetismi quali acne volgare, cicatrici, rughe. 

Il Peeling Superficiale con acido tricloroacetico è molto utile nel trattamento ambulatoriale dell’Acne volgare (sono generalmente sufficienti da 3 a 6 sedute a frequenza settimanale o bisettimanale, a seconda del quadro acneico, per ottenere un visibile miglioramento) e, abbinato a terapie domiciliari topiche, spesso rende superflua e non necessaria la somministrazione di antibiotici e altri farmaci per via generale. 
Nell’Invecchiamento cutaneo occorrono circa 6 sedute bisettimanali per determinare una netta stimolazione delle strutture dermiche e la neoformazione di collagene: 
il ringiovanimento cutaneo si manifesta con una maggiore levigatezza e consistenza della cute, con una netta attenuazione delle discromie e delle sottili rughe superficiali.

L’esfoliazione (peeling) che si ottiene, essendo visibile e durando qualche giorno, può essere motivo, a volte (è molto soggettivo… ), di disagio nella vita sociale e lavorativa; allora si può eseguire una tecnica particolare, da me ideata e denominataFast peel, che permette di rimuovere dolcemente e rapidamente, durante un’unica seduta ambulatoriale di circa un’ora, i primi strati dell’epidermide evitando, così, la fase della desquamazione visibile: praticamente si esce dall’ambulatorio con la pelle già levigata e con tutti i visibili benefici del peeling senza problemi e stress per i giorni seguenti. 

I Peeling Medio-Profondi sono indicati in casi selezionati di Acne nodulocistica con esiti cicatriziali abbinando una terapia locale ed antibiotici per via orale. 
Esso è anche molto efficace come tecnica di ringiovanimento cutaneo: si ottiene un visibile miglioramento, anche dopo una singola seduta, delle rughe sottili delle guance e delle regioni perioculari. 
A livello della regione periorale si può effettuare, anche contemporaneamente, un Peeling profondo al fenolo per levigare quelle antiestetiche sottili rughe verticali del labbro superiore: il risultato è molto simile a quello ottenuto con la laserabrasione.Per ottenere il miglioramento degli esiti cicatriziali da acne e da varicella, il Peeling medio-profondo può essere abbinato, eventualmente, a tecniche di revisione chirurgica delle cicatrici e sedute di dermoabrasione localizzato. 

Come si può dedurre, maggiore è la profondità del Peeling, maggiore è la stimolazione cutanea, maggiori sono i benefici ottenibili ma più alta la probabilità di complicazioni;ecco perché è veramente importante che venga eseguito da un dermatologo plastico esperto e che lo specialista assista il paziente con consigli e controlli rigorosi. 


( Fonte- Obiettivo Benessere New Autore - Dott. Francesco Antonaccio Dermatologo plastico Specialista in Dermatologia Cosmetologia)