Art_80_alteranativaBotox

Trattamento bellezza viso – Alternativa al Botox

Cosa potete offrire in Istituto in alternativa al Botox?

 

L’alternativa cosmetica che più si avvicina all’esito dato dalla tossina botulinica sono i peptidi biomimetici, botox-like. Certamente non invasivi e sicuri, hanno eccellenti proprietà leviganti e di riduzione delle rughe (risultati dati da ricerche in vitro a breve termine). Sono tra i più recenti ed interessanti ritrovati cosmetici che simulano l’azione della tossina botulinica, senza però averne i corrispondenti effetti collaterali, uno tra questi peptidi biomimetici botox-like è l’Acetyl Hesapeptide-3 (INCI), altro ad essere stato sintetizzato è un  tripeptide che mima l’effetto della proteina waglerin-1che è contenuta nel veleno della vipera templare e che è in grado di bloccare la contrazione muscolare. Entrambe questi attivi sono innocui e sicuri, dal punto di vista tossicologico, per
l’impiego in cosmetica.

Come agiscono i cosmetici di questo tipo, e che target di età si possono applicare?

Molto si deve alle piccole dimensioni molecolari, per cui la sostanza funzionale attraversa l’epidermide, si accumula nel tessuto e ostacola la comunicazione tra i nervi e i muscoli mimici del viso, dei quali riduce la contrazione, migliorando in modo visibile l’aspetto delle rughe. Di fatto
l’azione antiage di questo tipo di prodotti cosmetici si basa sulla diminuzione della visibilità delle rughe di espressione. Da tenere presente che l’impiego di questi peptidi non comporta il rassodamento dei tessuti, per cui vanno associati ad altri peptidi biomimetici rassodanti-ridensificanti. Questo tipo di prodotti, considerato il loro meccanismo d’azione, sono indicati per quelle clienti che hanno un età che va dai 35 ai 40/45 anni, a seconda dello stato di invecchiamento delle pelle. Vanno usati durante il giorno, ed è bene associare un trattamento notturno con sostanze che stimolano il rinnovamento cellulare epidermico e agiscono positivamente sui fibroblasti come ridensificanti-rassodanti. Il massimo di funzionalità cosmetica si ottiene con un impiego costante e continuativo, poiché l’azione chimica si basa sulla presenza fisica della sostanza sulla pelle.


Esistono altre sostanze funzionali che agiscono sulla visibilità delle rughe d’espressione, che non sono botulino simili, come il manganese gluconato (INCI: Manganum Gluconicum) in associazione con l’estratto di Boswellia serrata oppure con l’adenosina (INCI: Adenosine), un attivo cosmetico ad azione dermocontraente non botulino-simile.

Anche in questo caso, queste sostanze funzionali intervengono sul meccanismo di decontrazione dei muscoli mimici e, quindi, sulla ridotta visibilità delle rughe.